L’essenza spirituale di R1, la sacralità della TEV.

cucuzzoloRoberto non ha inserito lo Spazio Sacro solo nel Cleanergy o nell’Antenna Zamperini. Lo Spazio Sacro è generato dall’applicazione dei principi della TEVLo Spazio Sacro è nella TEV, attraverso di questa c’è la sacralizzazione del nostro essere, l’io evoluto diventa esso stesso “fanum“, luogo sacro, tempio attraverso il quale gli Dèi si manifestano.

Una semplice e forse banale riflessione partita dal concetto di intentus. Se avrete la pazienza di accompagnarmi in queste righe spero possiate comprendere il perché considero la TEV un’occasione di crescita ma, andiamo per gradi, partiamo da dove ci eravamo lasciati. R1 e l’intentus-volontà.

Roberto asseriva che l’intentus può originare dall’ ego o dallo spirito. In molte discipline orientali ci viene insegnato che solo abbattendo l’ego otterremo la liberazione dello spirito. Non fa una piega. Ma nel frattempo, noi comuni mortali, che facciamo?

Ci isoliamo su un cucuzzolo della montagna evitando ogni tentazione e desiderio, ci priviamo delle più elementari gratificazioni per bruciare quanto più karma ci è possibile? Oppure, accogliamo il nostro “essere occidentale” e percorriamo la strada con una mappa conciliante rispetto al nostro modo di essere e al contesto in cui viviamo? Decidiamo che la seconda opzione faccia al caso nostro, e facciamo pace con questo benedetto ego.

Già perchè l’ego in fondo è un io primordiale, un io “cavernicolo”ma è proprio grazie CAVERNICOLO 1all’ io che si manifesta la  volontà e creiamo la nostra realtà. E’  l’io che si da un gran da fare per mediare l’ambiente esterno con quello interno e viceversa, insomma, un gran PR. Cosa ci dice la psicologia sull’io? Ecco una sintetica definizione: l’io rappresenta una struttura psichica – organizzata e relativamente stabile – deputata al contatto ed ai rapporti con la realtà sia interna che esterna. L’Io organizza e gestisce gli stimoli ambientali, le relazioni oggettuali ed è il principale mediatore della consapevolezza.  (fonte Wikipedia). 

Aggiungerei che l’io è anche mediatore della volontà in quanto qualità intrinseca della consapevolezza.

Questa visione dell’io mi soddisfa. Da demone, portatore di insani desideri e cattive abitudini, a mediatore, servitore più o meno sopraffino ma certamente in corso di evoluzione.

assagioliScrive Roberto Assaggioli nel suo libro “L’atto di volontà” edizioni Astrolabio: “L’attenzione può essere concentrata in tre campi o sfere della realtà. Può essere diretta verso l’esterno come quando si osserva un oggetto naturale quale un pesce, si studia un argomento o si compie un azione. Può essere diretta verso l’interno, quando è usata per portare a livello cosciente e per analizzare degli stati psicologici soggettivi: i propri pensieri, le fantasticherie, gli impulsi. Può infine essere diretta anche verso l’alto, quando il centro di coscienza, l’io, rivolge il suo sguardo interiore verso processi superiori, supercoscienti e verso il Se transpersonale. Quest’ultimo tipo di concentrazione è necessario per svolgere l’attività interiore della meditazione e per mantenere uno stato di contemplazione”. 

In poche parole Assaggioli ci dice che attraverso l’attenzione, caratteristica della volontà, qualità intrinseca della consapevolezza, cioè dell’io, possiamo accedere al nostro Sé superiore, all’essenza spirituale.

In termini energetici, noi della TEV, sappiamo cosa avviene in questi frangenti:

quando si entra in uno stato meditativo, tre elementi del nostro essere si allineano perfettamente: il canale celeste, il canale centrale e il canale tellurico. Si diventa una sorta di antenna vivente.

Un ponte tra il Cielo e la Terra.

Allora, solo allora, possiamo ascoltare il linguaggio degli Dèi, quello del nostro spirito.

L’allineamento dei tre sistemi canale celeste, centrale e tellurico, l’ascolto rivolto al nostro Sè superiore aumenta la nostra consapevolezza (Io) e la nostra capacità di intervenire nella realtà esterna, l’Ajna si espande. Questo è uno di quei rari casi in cui un Ajna grande non deve allertare il tevvaro, tutt’altro.

Fin dal Corso Introduttivo alla TEV descriviamo l’Ajna quale centro del comando, del potere, della volontà.

Un’ Ajna espanso accompagnato da un canale celeste, tellurico e centrale ugualmente espansi non è altro che,  come J. Evola probabilmente definirebbe, una manifestazione della Volontà di Potenza, è Potere. Il potere di cambiare la realtà,  di realizzare il tuo essere. (Noi tevvari abbiamo più e più volte percepito la diversa capacità d’intervento su un sistema con un Ajna scarico e con un Ajna vitale).

Insomma, il Potere con la “P” maiuscola, tanto più “maiuscola” quanto più accediamo e rimaniano nella fonte,  nella Verità, nel DIVINO. Il fattore discriminante dell’accesso?  Il CTS (Conosci Te Stesso).

SOCRATE01_ING

Allora alla ricerca di noi stessi, della Verità, come gli antichi Greci ci esortavano a fare.

-Verità in greco antico si scrive ἀ–λήθεια (Alètheia)  che significa “dischiudimento”, “svelamento”, “rivelazione”. Il significato letterale della parola ἀ–λήθεια è “lo stato del non essere nascosto; lo stato dell’essere evidente”.-

AlchimiaQuando si attinge alla verità, al divino in te, aumenta l’R1 (Ajna).  Nessun fattore esterno può influenzarti, farti cambiare pensiero, nulla può distoglierti dai tuoi passi, perché hai conosciuto la tua leggenda personale.

Non è forse questa la vera libertà? Il concetto di enkràteia di Socrate?

Questa è la trasformazione del piombo in oro, questo è l’eterna ricerca dell’alchimista. L’eterna ricerca dell’uomo.

Insomma:

“O Uomo, conosci te stesso e conoscerai l’Universo e gli Dei”.

Questo è il vero Potere, questa è l’essenza spirituale di R1.

Direi che tutto ciò è lo scopo più profondo della TEV.

Oltre la tecnica, scoprendo e penetrando i confini del proprio fanum.

PS: L’intentus egoico che fine ha fatto? La fine prefissata dalla sua natura: si è distrutto. D’altra parte è questo l’unico modo per rinascere a sé stessi.

Questa voce è stata pubblicata in Chakra, Conosci te stesso, Energia Sottile, I Sette Raggi, Palming, Percezione Energia Sottile, Percezione Sottile, Roberto Zamperini, Scanning, TECNICA ENERGO-VIBRAZIONALE, Tecnologia Cleanergy, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a L’essenza spirituale di R1, la sacralità della TEV.

  1. Francesca ha detto:

    MERAVIGLIOSOOOOO!!!!Non ho altre parole… se non GRAZIE!

    Mi piace

  2. silvia ha detto:

    I miei complimenti Sonia, grazie.

    Mi piace

  3. gattointeriore ha detto:

    Bravissima Sonia

    Mi piace

  4. Paola Greco ha detto:

    Bello.C’e tanto da riflettere.

    Mi piace

  5. Angela ha detto:

    Sonia cara… L ho letto in un fiato… Grazie dal Cuore!

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...